Guerre silenti e non

Stiamo vivendo da un anno questa pandemia, tra incertezze, paura e stanchezza anche mentale per il nuovo stile di vita a cui abbiamo dovuto abituarci senza un minimo preavviso. C’è un disastro economico e di lavoratori che oggi più che mai sono terrorizzati di quanto sta per arrivare. 

In un anno molti di noi hanno perso familiari, amici e il lavoro. Molti di noi hanno dovuto fare bagni di umiltà e alzare la mano per chiedere aiuti economici e psicologici. Quello che mi rattrista è che rispetto a un anno fa, dove eravamo uniti e la paura ci spingeva alla coesione sociale, ora siamo tornati a fregarcene e a pensare per noi soli. Non c’è più pazienza né rispetto delle regole. Si è recalcitranti e questo porterà a un continuo disgregarsi della società e a un peggioramento delle crepe già presenti come la violenza domestica e i disturbi alimentari (a oggi 1/3 dei ragazzi ha visto questo problema nel 2020). Le principali notizie citano argomenti che ruotano attorno al Covid: zone arancioni e rosse, 6 milioni di ragazzi in DAD e vaccini.

NEL MONDO

Un susseguirsi di nervosismo e di uscite nevrotiche che spesso ci fanno perdere le priorità, le reali preoccupazioni.

Mi permetto, senza nulla togliere alle nostre storie nazionali di disoccupazione e problemi familiari, di portare l’attenzione anche a ciò che sta accadendo fuori dall’Europa. Perché si sta registrando un’escalation di violenza e morte.

Vi elenco alcuni fatti:

Mozambico: ragazzi e bambini trucidati dall’issi

Birmania: 138 dimostranti uccisi dall’esercito in questo periodo di golpe, nell’ex capitale istituita la legge marziale e stop al traffico internet

Siria: 6 personalità del regime sanzionate per il conflitto da UK

Nigeria: rapiti alunni di una scuola elementare da un gruppo di militanti armati

Congo: 15 civili massacrati dalle milizie ugandesi dell’AFD

Iraq: feriti tra manifestanti e forze dell’ordine a Najaf

DIVERSE GUERRE

In italia stiamo vivendo una guerra, silente e pericolosa, ma non abbiamo folli militanti armati che ci ammazzano i familiari e i figli, non dobbiamo rischiare di perdere la vita durante manifestazioni per i diritti umani. Cerchiamo di provare più compassione per l’altro.

Published by cimpi88

Smart, sweet and... sapere aude

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: